Il cammino cristiano




Narconon

il "programma di riabilitazione" di Scientology

 

Testimonianza - dal racconto della madre di Christiane F.

Non sapevo nulla di preciso sul Narconon, solo che costava dei soldi; due giorni prima del suo quindicesimo compleanno ci andai con Christiane in taxi. Con un uomo giovane avemmo un colloquio vincolante per l'accettazione, egli si rallegrò per la nostra decisione e mi assicurò che non dovevo più avere nessuna preoccupazione. La terapia al Narconon era di solito un completo successo, potevo stare completamente tranquilla. Ero sollevata come non mi succedeva da tempo.

Poi mi sottopose per la firma gli accordi di pagamento: costava 52 marchi al giorno e ogni volta bisognava pagare in anticipo quattro settimane. Era più di quanto guadagnavo netto ogni mese. Ma che faceva? Inoltre quel giovane mi prospettò che potevo avere il rimborso delle spese di terapia dall'Ufficio di assistenza circoscrizionale.

Il giorno dopo misi assieme 500 marchi e li portai al Narconon. Poi mi feci dare un prestito di 1.000 marchi e li pagai nel giorno di colloquio con i genitori. I colloqui con i genitori erano tenuti in genere da ex tossicodipendenti. Il suo passato proprio non gli si riconosceva. Grazie al Narconon - diceva - era diventato un altro uomo, e questo a noi faceva effetto. Lui mi rassicurava anche dicendomi i progressi che Christiane faceva. In verità ci recitavano una commedia e avevano preso di mira i nostri soldi, più tardi venni a sapere dal giornale che il Narconon apparteneva ad un'equivoca setta americana che voleva guadagnarsi del denaro a spese dell'angoscia dei genitori.

Il pasticcio era diventato sempre più grosso, il Narconon a Christiane l'aveva più guastata che migliorata. Lì era cambiata improvvisamente, aveva un aspetto ordinario, non più da ragazzina, era diventata soprattutto scostante. Già alle prime visite al Narconon ero stata sorpresa: Christiane mi era improvvisamente estranea. Qualcosa si era spezzato. Fino a quel momento, malgrado tutto, lei aveva avuto un legame intimo con me. Era distrutta, spenta come dopo un lavaggio del cervello.




L'intraprendete setta Scientology aumenta i suoi profitti grazie alla sofferenza dei tossicodipendenti

Da Der Spiegel, 21 Ottobre 1991, Germania - brano ripreso dall'Herald Journal di Newkirk, Oklahoma, 7 Dicembre 1991. Traduzione a cura di Martini.


L'organizzazione di copertura Narconon offre una terapia riabilitativa dalla droga che, secondo esperti e medici del settore, non solo è inutile ma anche pericolosa. Ex tossicodipendenti hanno parlato di cinque ore al giorno in sauna e lavaggio del cervello, comprese ore di ripetizione monotona di frasi prive di senso. Molte famiglie hanno speso tutti i loro risparmi per la cura dei figli tossicodipendenti, ma la maggior parte dei diplomati Narconon non è meno dipendente di quando vi è entrata. Ex pazienti affermano che Narconon si cura solo dei soldi.

Christoph Hubler, 22enne svizzero, si agita sulla sedia, si graffia le cosce e poi il viso. Col passare dei minuti diventa sempre più inquieto. L'apprendista meccanico ha disperatamente bisogno di una dose. L'ultima se l'è iniettata ieri sera, adesso è quasi mezzogiorno e gli effetti dell'eroina sono scomparsi. Christoph salta su e cammina a lunghi passi verso il bagno.

È una visione deprimente, specialmente per suo padre. Soltanto pochi mesi fa l'elettricista svizzero Hansjorg Hubler aveva messo insieme i franchi necessari per pagare la terapia di suo figlio. Adesso dice che si è trattato di uno spreco senza senso.

Christoph ha passato dieci settimane sul pittoresco lago bavarese di Schliersee. A Fiechhauson, tra verdi e collinari pascoli 50 km a sud di Monaco, un'organizzazione dal nome inquietante chiamata Narconon gestisce una casa per dipendenti da sostanze di ogni tipo.

Vengono trattate tutte le dipendenze: alcolici, pillole, ed eroina come Christoph. Secondo lo statuto dell'organizzazione i pazienti devono imparare a condurre una vita responsabile senza droghe. Un obiettivo nobile, ma la realtà sembra essere diversa. Da quando Christoph è tornato a casa è più dipendente di prima. Non solo si fa come prima, e i segni rossi sulle braccia lo dimostrano, ma ora ingurgita anche grandi quantità di alcolici. Uno arriva come tossico, dice, e se ne va come alcolizzato.

Quanto accade in questo luogo idilliaco è lontano delle terapie riabilitative convenzionali.

Gli Scientologi, che solo in Germania hanno 200.000 seguaci e un giro d'affari annuo di 150 milioni di marchi (150 miliardi), usano metodi inadatti alla disintossicazione. Di solito il risultato è una nuova dipendenza. Invece dell'eroina o della cocaina forniscono la droga dell'anima - Scientology.

La casa, che si trova sulle prime colline alpine, è uno dei molti centri simili gestiti dal quartier generale di Los Angeles. In Europa occidentale vanta già 500 case tra Inghilterra, Spagna, Svezia, Danimarca, Italia e altri paesi. E nel centro bavarese si sta addestrando la prima russa. Porterà la durissima ideologia di Scientology nella sua terra natale, dove l'alcolismo è molto diffuso e la Mafia sta allargando il narcotraffico.

I genitori disperati dei tossicodipendenti, che affidano i figli ai centri Narconon di tutto il mondo, generalmente non hanno idea di essere rimasti invischiati in un'organizzazione di facciata della profitto-dipendente setta Scientology. Per la famiglia Hubler il Narconon è stata l'ultima e infranta speranza.

Christoph sostiene che quelli del Narconon sono essi stessi dipendenti, dipendono dai soldi.

Mentre Christoph era sul lago Schliersee a rollarsi canne e bere vodka, gli impiegati del Narconon mettevano i suoi genitori sotto pressione. Suo padre doveva pagare somme sempre crescenti. In totale il sig. Hubler ha pagato più di 15.000 marchi (15 milioni).

Narconon segue alla lettera il motto del fondatore della setta di Scientology, Lafayette Ron Hubbard, morto nel 1986 all'età di 74 anni. Lo scopritore di questo guazzabuglio pseudo-scientifico aveva dato questo consiglio: fate soldi, fate più soldi, fate in modo che gli altri facciano più soldi.

I seguaci del Narconon seguono i suoi ordini. Ufficialmente si tratta di una sussidiaria indipendente da Scientology. Intorno alla loro chiesa gli Scientologisti hanno sviluppato innumerevoli iniziative che dovrebbero essere umanitarie. Un esempio è la commissione contro le violazioni dei diritti umani commesse dalla psichiatria [presente in Italia con il nome di C.D.D.U. - n.d.t.]. Un'altra è l'organizzazione per la promozione della tolleranza religiosa e le relazioni umane.

In realtà tutte queste attività, come il programma di riabilitazione dalle droghe, servono solo per promuovere se stessi e aumentare i seguaci a pagamento della setta
.

Il mercato delle terapie disintossicanti offre possibilità fantastiche. Nella sola ex Germania Orientale si dice esistano più di 2 milioni di alcolisti. Gli specialisti hanno stimato in circa un milione i dipendenti da farmaci, e più di 100.000 fanno uso di droghe pesanti. L'assistenza sanitaria spende circa 800 milioni di marchi all'anno (800 miliardi) per la cura delle tossicodipendenze.

Con il suo ottimo fiuto per gli affari, Hubbard già alla metà degli anni '60 aveva cominciato a tenere lezioni per le terapie anti-droga. La purificazione di uno Scientologo novizio usa gli stessi rituali del trattamento delle dipendenze.

Il fondatore Americano aveva la semplicistica convinzione che i componenti della droga si depositano nella linfa del tossicodipendente. Con un Rundown [programma] di purificazione si suppone che queste sostanze vengano lavate via dal corpo. Per questo motivo i pazienti, che sul Narconon vengono chiamati studenti, fanno cure del sudore che durano parecchie settimane. Passano circa cinque ore al giorno in sauna.

Vigilli Venzin, esperto di droghe svizzero, afferma che il metodo è semplicemente spazzatura e interamente rifiutabile sotto il profilo medico. Secondo il suo parere una breve sauna non è dannosa ai tossicodipendenti che facilmente soffrono il freddo. Ma più di due ore al giorno sono assolutamente troppo, non fa bene. I dottori specializzati nel campo sono d'accordo: Klaus Behren.d.t., dell'Ospedale Generale Ochsenzoll di Amburgo, dice che in senso medico il programma è veramente da buttare; Behren.d.t. gestisce l'unità di disintossicazione dell'ospedale e sostiene che le saune intensive sono un sistema medioevale. Dopo due giorni dall'ultima iniezione le tracce di eroina sono talmente basse da non essere più identificabili. In rarissime eccezioni il processo di decomposizione può durare una settimana, ha aggiunto Behren.d.t..

Al giorno d'oggi la maggioranza dei tossicodipendenti assume contemporaneamente parecchie sostanze. Prendono eroina o cocaina così come codeina o il sonnifero Rohypnol. In questi casi i sintomi dell'astinenza sono assolutamente imprevedibili. Dopo due settimane dall'ultima assunzione di droga alcuni pazienti possono ancora avere crampi o allucinazioni.

Gerhard Exkstein, l'amministratore del Con-Drobs - centro di consultazione di Monaco - afferma che gli operatori più esperti gestiscono questa complessa disintossicazione solamente sotto costante controllo medico perché è altamente rischiosa.

Al Narconon non si preoccupano. Prima di iniziare il programma il tossico viene esaminato dal dottore del Narconon, che vive a 15 chilometri di distanza, dopodiché l'unico dottore che entra è quello del pronto soccorso - cosa che accade di frequente per la mancanza di supervisione. Spesso gli studenti hanno dei collassi. La sauna è come una tortura dice Kurt Siegenthaler, 39 anni, "ma quello che viene dopo è ancora più pericoloso." Anche Siegenthaler è svizzero. È alcolizzato e sniffa cocaina. Ha passato un anno al Narconon ed è sopravvissuto al risucchio psicologico che gli Scientologi praticano sui tossicodipendenti.

Dopo il rituale di pulizia del corpo segue la purificazione dello spirito. Per i principianti la prima seduta consiste nel guardarsi negli occhi per ore. Poi prendono parte ad un dialogo senza senso. Per esempio: Domanda: Gli uccelli volano? Risposta: Sì, grazie. Gli uccelli volano? No grazie. Gli uccelli volano? Forse. Il dialogo viene ripetuto per ore. In un esercizio avanzato il paziente sta di fronte ad una parete vuota. Organizzatore: Guarda quel muro. Risposta: Grazie. Vai verso quel muro: Grazie. Tocca il muro. Grazie. Girati. Grazie. Poi verso l'altra parete. Il rito continua fino ad otto ore al giorno.

Questi monotoni corsi proseguono fino a che lo studente ha un'esperienza di risveglio. Ad un certo punto semplicemente stacchi l'interruttore, ha raccontato Siegenthaler. Christoph Hubler dice che si galleggia.

Venzin ha osservato i risultati di questo lavaggio del cervello su una sua paziente di 21 anni, Susanne. Dopo tre mesi era completamente spersonalizzata. Al suo ritorno dal centro Narconon parlava come un computer. È uscita dalla trance solamente dopo due mesi ed è immediatamente ricaduta nell'abuso di droga...

Horst Niesel, 43 anni, a capo del Narconon di Germania, Austria e Svizzera tedesca, sostiene di avere un tasso di successi del 50%. Ma gli studenti hanno ricordi diversi. Siegenthaler non riesce a rammentarsi un solo cliente che sia rimasto pulito. Dopo qualche settimana, dice, eravamo praticamente tutti punto a e capo. Un alcolista di Berlino è andato avanti e indietro più di dodici volte. La maggior parte di loro non riesce più a stare senza Narconon.

La conseguenza logica della cura disintossicante è Scientology. Durante le infinite lezioni lo studente impara a lasciarsi completamente andare nelle mani del suo istruttore. Gli esercizi che vengono fatti non hanno uso pratico al di fuori di Scientology. Il tossicodipendente può progredire solamente all'interno della setta.

Narconon non rafforza l'autonomia del paziente, come afferma la propaganda, al contrario indebolisce persone che, come tossicodipendenti, hanno sofferto anni di delusioni e disperazione. Ed è il motivo per cui questo tipo di terapia ha come risultato una nuova dipendenza. Il Narconon riesce solamente a trasferire la dipendenza, dice Axel Siefert del centro di assistenza statale di Monaco, noi là non ci mandiamo nessuno. Narconon non è preso in considerazione da dottori e assistenti seri. Alla metà degli anni '70, per un breve periodo, l'ufficio di Berlino era riuscito ad ottenere fondi statali per il programma riabilitativo. Ma l'errore fu presto corretto.




Il Narconon e Scientology

La terapia del Narconon è essenzialmente una versione leggermente modificata della "tecnologia religiosa" della stessa Scientology. Questo si può facilmente vedere dal confronto tra i manuali di studio del Narconon e il Manuale di Scientology (1994), una guida di 871 pagine ai principi fondamentali di Scientology, reperibile in molte biblioteche pubbliche del Regno Unito e degli USA. I sette manuali in discussione sono: Il Manuale di Guarigione dello Studente Narconon (1976); Il Manuale dello Studente Narconon (1977); Il Manuale Fondamentale del Narconon per Immagini (1976); Il Manuale di Studio Narconon (1976); Il Manuale degli Esercizi Oggettivi Narconon (1976); Il Manuale Tecnico Narconon (1975); Il Manuale Fondamentale per Supervisori Narconon, vol. 6 (1975).

Le copertine dei manuali affermano che sono stati prodotti "Dai lavori di L. RON HUBBARD". Hubbard è, naturalmente, il fondatore di Scientology.

La parola Scientology non appare sui manuali. Alla fine di ognuno c'è la bibliografia dei lavori originali da cui è stato tratto il manuale. Gli articoli elencati sono HCOB e PAB - gli acronimi non vengono spiegati ma significano Hubbard Communication Office Bulletin e Professional Auditor's Bulletin, elencati in "Cos'è Scientology" (un libro guida del 1992) come parte dei "materiali tecnici di Dianetics e Scientology"; furono scritti per continuare lo sviluppo di Scientology. Questo fatto non viene menzionato nei materiali del Narconon.

Lo scopo dichiarato del Narconon viene espresso come:

«Una civiltà senza pazzia, senza criminali e senza guerra, dove l'abile può prosperare e gli esseri onesti hanno diritti, e dove l'Uomo è libero di salire ad altezze superiori»

(What Is Scientology?, 1978 ed., p. 91)

Tutto questo, abbastanza stranamente, è anche l'obiettivo di Scientology; ed è stato sottolineato come Scientology definisce il pazzo, il criminale e il disonesto, comprendendo chiunque critichi pubblicamente Scientology o dubiti delle sue affermazioni. Coraggioso Nuovo Mondo, davvero.

Il team che nel 1974 ha esaminato la terapia Narconon per conto del Dipartimento della Salute dello Stato della California ha concluso che le dottrine dell'organizzazione erano adattamenti vagamente camuffati di Scientology:

«Dobbiamo sottolineare che ogni collegamento tra Narconon e Scientology che non sia pura coincidenza è stato negato con veemenza...
Teoricamente si tratta di un patchwork di idee Freudiane, Gestaltiane, Pavloviane, fantascientifiche e Orientali (reincarnazione) inequivocabilmente tenute assieme dalla terminologia di L. Ron Hubbard. Infatti gli esercizi iniziali richiedono, oltre ad un dizionario standard di inglese, uno speciale dizionario Narconon che permette allo "studente" di capire la terminologia Narconon/Scientology...

La terminologia [Narconon] è sorprendentemente simile, e presumibilmente parallela se non assimilata, alla gerarchia Scientology. Quest'ultima supposizione è stata sottolineata da una lunghissima conversazione con "membri" - "dipendenti" dell'ufficio Scientology/Westwood che hanno affermato che il Narconon era semplicemente l'applicazione della "tecnologia" di Scientology al problema della dipendenza da droga. Due pazienti successivamente intervistati che frequentavano un programma locale con il metadone hanno raccontato che il loro insuccesso al Narconon per la disintossicazione da eroina era stato dovuto all'applicazione delle tecniche di Scientology, ed era essenzialmente diretto all'ottenimento di uno stato di "clear" finale.

Di nuovo però il Dr. Gibson e i suoi principali assistenti hanno vigorosamente negato ogni collegamento a Scientology che non fosse coincidenza...

Esistono pochi dubbi sul fatto che all'interno del Narconon la religione di Scientology è sostenuta, discussa apertamente e incoraggiata. Dal momento che la Chiesa di Scientology è una religione pare che il denaro dello Stato venga usato direttamente per sostenere una chiesa. Sembrano esserci poche differenze tra il Narconon e la Chiesa di Scientology. Per esempio, c'era un libro di L. Ron Hubbard intitolato "I problemi del Lavoro" che conteneva, nella copertina interna, la dicitura "Solo per uso religioso". Alla squadra di valutazione è stata inoltre fatta una dimostrazione sull'uso dell'E-Meter. Tutti i libri e la letteratura derivano direttamente da Scientology, e la maggioranza dello staff è già o sta diventando Scientologista. Sembrerebbe che il Narconon riceva fondi statali per il trattamento dei "tossicodipendenti" usando principalmente metodi o "tecnologia" della Chiesa di Scientology»

(Outline for recovery, House Evaluation - "Tennant Report" - di Forrest S. Tennant, Jr., M.D., Dr.P.H., Jane Thomas, R.N., Mike Reilly, e Joseph Shannon, M.D., M.P.H. Presentato a Don Z. Miller, Vice Direttore, Sistema di Trattamento Sanitario, Dipartimento Statale di Salute Pubblica, Sacramento, CA, il 31 Ottobre 1974).


Moltissime altre informazioni dettagliate, testimonianze e studi su Scientology, sul Narconon e sulle altre iniziative della setta di Scientology sono disponibili sul seguente sito non cristiano: http://xenu.com-it.net  dal quale sono stati tratti i brani citati in questo documento.

ritorna all'indice



I documenti presenti su questo sito possono essere fatti circolare liberamente, purché senza ricarichi. I documenti sono distribuiti come freeware e restano di proprietà dei loro rispettivi autori.